Terzo Settore

Acquisti & Sostenibilità nella sua missione è anche vicina e supporta, offrendone visibilità in diverse occasioni, altre organizzazioni non profit, onlus e ong che conducono iniziative virtuose per la comunità.

Banco Informatico Tecnologico e Biomedico

una giovane onlus in provincia di Milano, combatte ogni giorno la sua battaglia contro lo spreco di tecnologia: in cinque anni è riuscita a “salvare” oltre diecimila computer, dismessi per esigenze di aggiornamento tecnologico pur essendo ancora funzionanti, che altrimenti sarebbero stati smaltiti come rifiuti. Tutti i pc, revisionati e collaudati, sono stati riutilizzati da organizzazioni non profit, oltre mille realtà attive in tutti i campi del sociale: dall’assistenza a disabili e anziani all’inserimento dei migranti, dall’accoglienza di minori disagiati all’educazione ambientale. Le richieste, sempre più numerose, rivelano una “fame” di tecnologia che non può essere soddisfatta sul mercato per la cronica mancanza di fondi che opprime soprattutto le piccole realtà del Terzo Settore. L’attività del BITeB è possibile grazie alle aziende che hanno donato i loro computer: UGF - Unipol Gruppo Finanziario, Manpower, Nestlé, Autogrill, Fastweb, sono solo alcuni tra i donatori più conosciuti che hanno compiuto questa scelta di responsabilità sociale, ma anche ambientale.  Il BITeB opera anche nel settore sanitario attraverso la Divisione Biomedica, che raccoglie apparecchiature elettromedicali per donarle a ospedali dei Paesi poveri.

Espandi
Care & Share

nasce nel 1991 per iniziativa di Carol Faison, che dopo un viaggio nel sud dell’India, decide di adottare un bambino a distanza. Nel 1997 Carol Faison e Noel Harper fondano in India Care & Share Charitable Trust a Vijayawada, Andhra Pradesh, India.Nel 2000 in Italia nasce Care & Share Italia Onlus - Organizzazione Non Governativa in data 23 febbraio 2007 con DM 2007/337/000703/5 da parte del Ministero Affari Esteri italiano.
Lo scopo di Care & Share è quello di provvedere all’istruzione e all’assistenza dei bambini indiani poveri e bisognosi. Ci basiamo su un programma “da persona a persona”, attraverso la sponsorizzazione a distanza che crea un legame tra voi ed un bambino bisognoso. L’attenzione è centrata sui bambini poveri nelle aree rurali e negli slums della città di Vijayawada (che si trova nello stato indiano dell'Andhra Pradesh). Progetti di solidarietà, inserimento e sostegno quali aiuti nei diversi slums (assistenza medica gratuita, latte ai bambini e malati, vaccinazioni, costruzione di scuole), aiuti alla prigione minorile locale, aiuti a zone devastate e sostegni laddove ve ne sia maggior bisogno. E adesso dopo avere ultimato un grande villaggio per 600 bambini abbandonati, l’avvio di un’altra struttura per 250 piccoli sieropositivi o orfani dell’AIDS.

Espandi
Cesvi

è un'organizzazione laica e indipendente che opera per la solidarietà mondiale. Nel sistema di valori che guidano il Cesvi, il precetto morale della solidarietà umana e quello ideale della giustizia sociale si trasformano in opere di aiuto umanitario e per lo sviluppo che vogliono contribuire all'affermazione dei diritti universali dell'uomo. Cesvi opera con la convinzione che l'aiuto alle popolazioni diseredate a causa del sottosviluppo, o più sfortunate a causa di guerre, calamità naturali e disastri ambientali, non dia sollievo solo a chi soffre, ma contribuisca anche al benessere di tutti noi sul pianeta, "casa comune" da preservare per le future generazioni.
Nell'acronimo Cesvi, le parole cooperazione e sviluppo sottolineano che il Cesvi fonda la sua filosofia d'azione nella promozione del protagonismo e della mobilitazione collettiva dei beneficiari per favorire il loro progresso. Per questa ragione il Cesvi è fortemente impegnato affinché gli aiuti internazionali non si riducano a mera beneficenza e non siano influenzati dall'egoismo dei donatori.
Le attività di aiuto umanitario che Cesvi vuole mettere in atto in tutto il mondo a favore delle popolazioni bisognose si collocano lungo la filiera:

del soccorso per assicurare la sopravvivenza e superare l'emergenza,
della riabilitazione e ricostruzione di strutture distrutte da guerre o calamità,
dei programmi e progetti di cooperazione per lo sviluppo di gruppi sociali e comunità povere.

Espandi
Consorzio Cantiere Cuccagna

formato da 7 associazioni milanesi (Esterni, Cooperativa Cuccagna, Smemoranda, Cooperativa sociale S. Martino onlus, Cooperativa sociale Diapason, Cooperativa sociale Comunità Progetto, Associazione ChiamaMilano) sta recuperando gli spazi di un'antica cascina del 1700, miracolosamente sopravvissuta fino ad oggi nel centro di Milano (zona Pt.Romana): la Cascina Cuccagna. L'obiettivo è di rendere vitali e funzionali gli spazi ed adeguarli agli standard normativi ed alle esigenze moderne, seguendo un rigoroso restauro conservativo per mantenerne il carattere di cascina agricola e restituire la Cascina alla città di Milano, trasformandola in un nuovo spazio pubblico. La Cascina Cuccagna sarà uno spazio poli-funzionale, che ospiterà attività, eventi, laboratori, un cantiere di persone e di idee sulle tre aree tematiche del Progetto Cuccagna: Ambiente e Alimentazione, Cultura e Territorio, Coesione e Integrazione. La cascina ha un grande giardino con orti e serre didattiche, ospiterà una bottega di prodotti a filiera corta, un ostello e residenza temporanea, un auditorium, una ciclo-officina, un eco-museo urbano, etc... Già oggi ospita iniziative sociali e culturali ed un mercato settimanale con i banchi per la vendita diretta dei produttori agricoli Lombardi, a prezzi competitivi, alla riscoperta del gusto e della genuinità dei prodotti, caratterizzati dalla stagionalità e da percorsi qualitativi che promuovano una maggior conoscenza delle particolarità culinarie e del territorio. Il supporto di Fondazione Cariplo e Banca Popolare di Milano ha permesso l'avvio del cantiere, con i contributi di Mapei, FAI–Fondo per l’Ambiente Italiano, Coldiretti, Slow Food, Politecnico di Milano e Soprintendenza ai Beni Culturali e di privati cittadini, ma la raccolta di fondi continua per completare i lavori entro il 2010.

Espandi
ESTIA Cooperativa Sociale Onlus

Cooperativa e.s.t.i.a. nasce nel 2003 dall’esperienza teatrale condotta dall’associazione culturale e.s.t.i.a. nelle carceri milanesi ed ha come obiettivo ultimo quello di favorire il reinserimento sociale e professionale di persone detenute ed ex-detenute.
e.s.t.i.a. opera presso la II Casa di Reclusione di Milano-Bollate.

Il teatro rimane il cuore delle attività di cooperativa e.s.t.i.a. in parte perché rimanda alle sue origini, ma anche perché la produzione teatrale è il risultato di un processo educativo informale che è parte fondante ed integrante del percorso di reinserimento sociale delle persone accompagnate.

Accanto al teatro sono nate attività che consentono a cooperativa e.s.t.i.a. di offrire diversi prodotti e servizi: realizzazione di mobili e manufatti in legno, service audio video, riparazione pc ed altri servizi informatici, infine realizzazione e montaggio di video. Grazie a questa esperienza professionale svolta dentro il carcere, i soci detenuti acquisiscono una professionalità specifica spendibile anche al loro rientro nella società civile. La situazione attuale e le potenzialità della cooperativa si stanno sviluppando verso aree di intervento in ambito territoriale, preparando spazi lavorativi esterni che possano accogliere le professionalità dei soci detenuti e di prossima dimissione dagli istituti di pena

Espandi
Famiglie per L'Accoglienza

una rete di famiglie diffuse sul territorio nazionale e in diversi Paesi del mondo, che si sostengono nell'esperienza dell'accoglienza familiare e la promuovono come bene per la persona e per la società intera.
Famiglie per l’Accoglienza è un’associazione di promozione sociale (aps) nata da famiglie che accolgono nella loro casa temporaneamente o definitivamente una o più persone che hanno bisogno di una famiglia. Sentirsi accolti e amati è un’esperienza indispensabile per la crescita integrale di una persona e la famiglia è il primo ambito naturalmente accogliente. Una certa cultura presente ormai nell’intera società occidentale considera l’esperienza familiare un fatto privato, da vivere in modo chiuso e geloso e ne influenza la struttura proponendo modelli individualistici molto diversi rispetto alla tradizione dei popoli. L’associazione intende aiutare le persone e le famiglie a vivere concretamente il valore della famiglia come luogo fondamentale della crescita e dell’accoglienza della persona, ad approfondirne il significato culturale e a diffonderne la soggettività sociale. Famiglie per l’Accoglienza aderisce alla Compagnia delle Opere e al Forum delle Associazioni Familiari.

Espandi
Fondazione Serbelloni
Fondazione Serbelloni forma, promuove e diffonde espressioni della cultura e dell’arte, tutelando e valorizzando gli spazi monumentali di Palazzo Serbelloni e di Villa Sola Cabiati.
Espandi
Palm Work & Project

Economicità e socialità sono dimensioni della vita di Palm SpA da sempre correlate.
L’imprenditorialità socialmente orientata di Palm ha consentito e promosso l’avvio di una nuova iniziativa imprenditoriale.
Nasce così la cooperativa sociale o impresa sociale Palm Work & Project che, senza finalità speculative, ha lo scopo di sviluppare e gestire, attraverso lo svolgimento di attività diverse, l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate (L.381/91).
La cooperativa nasce dall’idea che è possibile coniugare impresa ed etica, mercato e solidarietà convinti che il lavoro non debba essere solo una fonte di profitto.
La cooperativa Palm Work & Project vuole produrre lavoro, tenendo sempre ben presente il fatto che l’uomo e la dignità umana vengono comunque al primo posto rispetto alla produzione e al denaro.
All’origine della scelta di fare impresa sociale c’è una forte motivazione etica, la volontà di perseguire una mission sociale:
- promuovere capacità ed autonomia delle persone inserite.
- promuovere l’acquisizione di maggior fiducia in sé e nelle proprie potenzialità attraverso la partecipazione attiva al processo produttivo.
- considerare il lavoro per il disabile, come per tutte le persone, un diritto al quale non si può rinunciare perché requisito fondamentale per la realizzazione esistenziale di ciascuno

Espandi